· 

RASSEGNA STAMPA ANTARTIDE

Nota per il lettore:

Chi scrive non è uno scienziato! Per questo motivo si è tentato il più possibile di far parlare fonti autorevoli, sempre citate esplicitamente. In alcuni casi è stato necessario tradurre in assenza di versioni in italiano complete degli articoli proposti.

L'obiettivo di questa "rassegna" è quello di fornire un'informazione sintetica ed essenziale sullo scioglimento dei ghiacci a partire dalla notizia di attualità.

I link agli articoli sono la vera risorsa di questo scritto: vanno aperti!

La Notizia: articolo NASA

Foto dello scioglimento dei ghiacci tra il 4/2/2020 e il 13/2/2020 a Eagle Island, sulla punta settentrionale della penisola antartica:


Il 6/2/2020 è stata registrata dalla base scientifica Esperanza la temperatura massima mai misurata sul continente: 18.3 °C. Questa temperatura ha causato lo scioglimento dei ghiacci circostanti il punto in cui si è verificato il picco. 

Immagini delle temperature sulla penisola antartica (acquisite il 9/2/2020)


Le temperature registrate sono dovute ad un'ondata di calore - la cui frequenza e intensità sta aumentando a causa del cambiamento climatico: è il terzo evento del genere in questa estate antartica - generatasi a causa di fenomeni di alta pressione avvenuti a Cape Horn all'inizio di febbraio. Gli esperti individuano infatti come principale concausa l'effetto Foehn, ben spiegato in questo video realizzato dall'ArpaPiemonte:

Riportiamo anche l'articolo di RaiNews dedicato a questa notizia: link.

Contesto: Scioglimento dei ghiacci


In questo grafico realizzato da Copernicus, programma di monitoraggio ambientale dell'Agenzia Spaziale Eurorpea (ESA), viene analizzata l'estensione dei ghiacci presenti nell'emisfero australe. In particolare nel secondo grafico si noti come la tendenza si sia negli ultimi anni (dal 2014-2015) spostata verso un maggiore scioglimento dei ghiacci.

 

Riportiamo due video, entrambi realizzati dalla NASA:

  • Time-lapse delle variazioni di temperatura negli anni (invitiamo a concentrarsi sulle variazioni di temperature relative all'Antartide):

 

  • Time-lapse dell'estensione dei ghiacci dell'Antartide: 

Approfondimento ulteriore: ARTICOLO NASA (in inglese)

 

Come si nota dai dati del grafico nel 2014 l'Antartide ha toccato la massima estensione di ghiacci mai registrata. Come è possibile questo se, come visto nel primo time-lapse, la temperatura è globalmente aumentata?

 

Riferiamoci innanzitutto al secondo time-lapse: si noti come i ghiacci marini siano in leggera crescita fino al 2014, mentre allo stesso tempo in alcune regioni dell'Antartide i ghiacci continentali stiano diminuendo di altezza. 

L'effetto globale è comunque un lieve aumento complessivo dei ghiacci fino al 2014, come si vede nel grafico di Copernicus. Nell'articolo riportato, che risale all'ottobre 2014, quando i ghiacci marini erano ancora in aumento, si ipotizza che questa lieve crescita sia dovuta a fenomeni di bassa pressione localizzati in corrispondenza del cosiddetto "buco dell'ozono". Tuttavia queste ipotesi ad oggi non sono state confermate e quello dell'aumento dei ghiacci antartici pre-2014 rimane ancora un "mistero", come dalle parole della climatologa Claire Parkinson (link).

 

Nel frattempo la tendenza di espansione dei ghiacci si è invertita, uniformandosi a quella mondiale: lo scioglimento.

 

[Segnaliamo inoltre questo breve video, sintesi dell'articolo inglese e disponibile con i sottotitoli in italiano]

Le consegeuenze (1): Effetto feedback

Riportiamo questo articolo del premiato blog "Kyoto fisso", scritto da Antonello Pasini, fisico e climatologo, per "Le Scienze": link

 

In questo articolo l'autore parla delle conseguenze dello scioglimento dei ghiacci (riferendosi a quelli artici) e si concentra su quella principale: l'effetto feedback sulla temperatura.

 

Proponiamo qui una spiegazione approfondita di cosa significhi "effetto feedback" per completare il discorso di Antonello Pasini: link (articolo di Chris Colose, scienziato della NASA, tradotto in italiano)

Le conseguenze (2): Rischio Virale

Riferiti allo scioglimento dei ghiacci in generale (e non allo specifico dell'Antartide) riportiamo due articoli che trattano un ulteriore problema: il rischio virale conseguente allo scioglimento di ghiacci in cui sono presenti virus inattivati:

  • da "Nuova Ecologia", mensile di ecologia (distribuito gratuitamente per i soci Legambiente): link
  • dall'AGI: link (articolo più ampio)

Scrivi commento

Commenti: 0