· 

Mal'ARIA

Anche quest’anno, come da molti anni ormai, stiamo assistendo all’allarme per la pessima qualità dell’aria nell’intero bacino padano. Il 2020 si è aperto con un diffuso superamento del valore limite giornaliero del PM10 (50 µg/m3). Di fronte ai pericoli che questo rappresenta per la nostra salute, le risposte delle amministrazioni pubbliche sono insufficienti, ma ognuno di noi può fare qualcosa per migliorare la qualità dell’aria, agendo sulle due principali fonti emissive del PM10 nelle aree urbane (traffico veicolare e riscaldamento):

  • Utilizzare il meno possibile l’auto per gli spostamenti, soprattutto quelli medio/brevi
  • Cambiare le auto più inquinanti (in particolare i diesel e i SUV) con auto a ridotte emissioni
  • Ridurre la temperatura di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati
  • Mantenere in efficienza la propria caldaia

Anche le caldaie alimentate a metano, seppur in modo inferiore rispetto alle caldaie a biomassa, contribuiscono a peggiorare la qualità dell’aria.
E proprio per aiutarvi a mantenere al meglio le vostre caldaie, Legambiente Seregno, grazie alla convenzione con aziende qualificate e abilitate, propone per i propri soci la verifica periodica (controllo dell'efficienza energetica/prova fumi) e la manutenzione della caldaia, ogni due stagioni termiche come previsto dalla normativa.

Scrivi commento

Commenti: 0